Translate

giovedì 23 maggio 2013

Albertone: quell'eroe dei nostri tempi

« Una volta anche solo il fatto di andare a piedi, di salutarsi, di sentirsi parte di una società, aiutava a essere più umani. »

Così raccontò una volta Alberto Sordi, l'Albertone nazionale, il pischello di Trastevere che ha lasciato un'impronta indelebile nel panorama cinematografico italiano (e non solo!)
La sua figura, e gran parte dei suoi film, sono legati a Roma. E la Caput Mundi ne mantiene sempre vivo il ricordo, in particolare durante questo 2013, alla ricorrenza del decennale dalla sua scomparsa. Una nostra stessa ambasciata ha goduto della bellissima mostra tenutasi al Vittoriano tra febbraio e marzo.
E tu. Indovina perché ci troviamo qui a parlarne? Senza controllare su internet.
Bravissimo! Tutti quanti conosciamo gli inizi della carriera di Sordi, in cui formò la coppia "gold" del doppiaggio italiano di Stanlio & Ollio insieme al professor Mauro Zambuto. Alzi la mano chi conserva ancora gelosamente le videocassette delle loro versioni, ormai difficilissime da trovare!


Noi Figli del Deserto, per esempio. Che non ci lasciamo sfuggire nessuna buona occasione!
Ricordate ancora la giornata di studio "Guarda Cric... Guarda Croc!" dello scorso 19 novembre, vero? Bravissimi di nuovo, oggi ve ce magno.
Ebbene, l'Oasi 165 propone un altro incontro, dedicato alla carriera e al successo di Albertone, per il prossimo giovedì 20 giugno.
Il titolo completo è

ALBERTO SORDI
Fonti audiovisive, documentarie, testimonianze e rarità
Giornata di studio in occasione del decennale della morte


* dlin dlon * Ci scusiamo in anticipo se il programma stabilito dovesse cambiare, ma stiamo cercando faticosamente di far scollare tutti dai piatti di maccheroni.
Stessa storia, stesso posto, stesso fez: in quanto strettamente legati alla sua impronta - per non dire tallonati - il nostro Gran capoccia Enciclopedia delizierà i partecipanti con un intervento improntato - ecco, ora va bene! - su Albert Odisor. Sì, è un simpatico anagramma dietro cui si nascondeva il giovane Sordi quando iniziava nell'avanspettacolo, che fino al 1951 contribuirà a rendere immortali le caratterizzazioni italiane dei nostri Ragazzi.
Fratello Liuk, un altro dei nostri scagnozzi, nonostante la sua bolognesità abbellirà la sala con una bella mostra di caricature di Albertone. Tutte realizzate da lui stesso medesimo.

Sono previsti diversi ritorni e alcune new entry: l'organizzazione è promossa anche stavolta dall'IRTEM, dall'AAMOD, dalla Scuola di Cinema documentario "Cesare Zavattini" e dal nostro fedele studioso Enzo Pio Pignatiello. Tra gli altri ritorni sul fronte, l'amico e biografo Giancarlo Governi, che ci proporrà un documentario inedito (e grassettiamo, inedito) e il professor Giandomenico Curi, che ci parlerà dell'Albertone cantante. Previsti altri interventi e sorprese, tra cui l'autore jazz Lino Patruno, grande fan di Nando Moriconi, e il nostro collega Stefano Cacciagrano, con cui approfondiremo la carriera di Sordi in TV.

La serata si concluderà con la proiezione del film di montaggio Fuori da quelle muraglie, realizzato e uscito in Italia nel 1946. Con, ovviamente, il doppiaggio di Sordi e Mauro Zambuto. Indovinate chi interpreta chi.
Il restauro cui fu sottoposto The Golden Age of Comedy è rimasto impresso ai partecipanti di novembre: saremmo pure un gruppo di pazzoidi della mutua, ma sulla qualità ci mettiamo la mano sul fuoco. Ahia. E proponiamo anche stavolta una versione inedita. Restaurata. Integrale. Scientifica.

L'appuntamento è alla ex sede dell'ACEA, in via Ostiense 106 (metro B Garbatella), a partire dalla 15. Chi vuole passare la fine della serata sotto il sole di Roma sarà il benvenuto, ci troviamo in galleria!
QUESTO è il link ufficiale dell'evento su Facebook.

« Noi abbiamo avuto il privilegio di nascere a Roma, e io l'ho praticata come si dovrebbe, perché Roma non è una città come le altre. È un grande museo, un salotto da attraversare in punta di piedi. »
E noi ci saremo, Albe'.


Semper unanima cum fide.

Nessun commento:

Posta un commento