Translate

sabato 1 ottobre 2022

Was that "Ladroni" or "Ladrones"?

Dear friends,

Pardon us for not writing very often; we have been very busy with our activities dedicated to the work of Laurel and Hardy – last but not least, helping Rai TV with their important project of seriously restoring the Italian editions of their films – that we almost forgot our own blog.

 

Today, however, we come back to it to comment on some news that has been making the rounds among fans for a few days now. According to official press releases, the next edition of the Giornate del Cinema Muto in Pordenone, an event that we hold very dear, one of the most prestigious ones in the world in terms of rediscovery and promotion of silent cinema, will host a special event dedicated to Laurel and Hardy. The occasion, we read, is the screening of the "Italian version" of Night Owls (1930) titled Ladroni (Thieves).

 

This news could be of the uttermost importance, as it would not be the usual 20-minute short film that we are used to seeing on TV, but the first phonetic version dubbed directly by Laurel & Hardy in Italian and – at least until today – considered lost.

 

A brief history recap to remember exactly what it is all about. In 1929, Laurel and Hardy started making sound films and, as dubbing (or post-synchronization, as it would be better called it in this case) did not yet exist, to overcome the obstacle of the multilingual market, the Roach Studios adopted the somewhat cumbersome practice to have the actors act in different languages: Spanish, German, French… and Italian.

 

The first short film made with this technique was in fact Night Owls. Simultaneously with the English version, a Spanish version was shot, replacing the supporting cast scene by scene with native Spanish speakers. This version, titled Ladrones, ran 15 minutes longer than the English version: it included sequences that Laurel himself had decided to discard from the final American cut, and even a different ending.

 

Having achieved great success with audiences in Spanish-speaking countries, Hal Roach decided to use the same technique to expand the distribution of the film to other markets, including Italy. And here's the surprise: unlike what happened later with other short films, this film was not reshot in Italian. Several months after having made the film in Spanish, Roach hired sound engineers to post-synchronize the Italian dialogues on this version, taking advantage of the similarity in lip movements between both languages. (Sometime later, the same trick would be used for some sequences in the Spanish version of Berth Marks.) The result was far from perfect, but it was in fact the team’s first film “dubbed” in Italian, probably – we repeat: probably – by Laurel & Hardy themselves. The sound was also recorded on four discs of the Victor Talking Machine Company, using a technique already employed to post-synchronize some silent films with music and effects, to be able to distribute them in theatres already equipped for sound.

 

According to research conducted a few years ago, this hypothesis was confirmed in the online archive of Victor: the four disc codes (MVR-54999, MVR-61101, MVR-61102, and MVR-61103) are dated August 25 and 26, 1930, approximately eight months after the release of Night Owls and Ladrones. Furthermore, the Roach Studios records report that both versions have the same length: 3306 feet, i.e. 1021 meters, about 37 minutes of projection time. A unique case, at least according to the documents, among the phonetic versions shot by Laurel and Hardy up to that time.

 

Ladroni was successfully released in Italy in early 1931, paving the way for the first and only phonetic version shot in Italian by Stan and Babe: Muraglie (Pardon Us). Since then, all traces of Ladroni and Muraglie have vanished. Subsequent post-war dubbings made any attempt to preserve those precious first Italian versions redundant, effectively rendering their recovery or restoration impossible.

 

In the press release by Le Giornate, we read that the research group "SOS Stanlio e Ollio" (founded, according to what we read online, with “the aim of promoting cultural initiatives of various kinds aimed at the national and international promotion of the work of the famous artist couple, and to safeguard and digitally recover the Italian versions of the films they made”) is said to have recovered the “negative scene” of the Italian phonetic version of Ladroni at the George Eastman House in Rochester (NY). However, it is a silent copy, since the “negative scene” was made separately from the “sound negative” – ​​provided that the latter really existed: we cannot know for sure whether the Roach Studios relied exclusively on Victor records or not back in 1930.

 

The footage and screen capture of the film (at 1080p only) accompanying the press release show that Ladroni is indeed Ladrones post-synchronized in Italian, in fact confirming what has been stated until now. It is therefore a duplicate of the Spanish negative, with all of its inherent problems, which however retains the original MGM opening credits translated into Italian. This is the only real news.

 

Good news? Up to a certain point.

 

Our concerns regarding this “recovery” (it is a bit difficult to call it a “restoration”) are about what will be screened in Pordenone this October. The press release, also published on the festival's Facebook page, reports that “[the research group] took care of the meticulous reconstruction based on the Spanish Ladrones edition, retaining for the soundtrack noises and a few almost identical phonemes in both languages. This way, you will be able to hear Oliver Hardy's voice in a joke, albeit a very short one, in Spanish-Italian”.

 

The statement raises some questions. For example, how is it possible that this “meticulous reconstruction” reproduces only a single Italian sentence in a 37-minute film? Granted, Laurel & Hardy speak very little in the film, but that is not the case with the other performers. We therefore decided to ask the festival directly for clarification, through its official Facebook page. The festival forwarded our request directly to the project managers. We quote their answer verbatim: “[...] the Italian vintage soundtrack is currently unavailable but being partially reconstructed based on the Spanish one [...] it was decided to keep sounds, noises and some identical phonemes, inserting a musical commentary only for some very brief scenes”.

 

So the footage of Ladroni – which, as we have stated, is identical to Ladrones – has been combined with some sounds from Ladrones. In other words: the “recovery” carried out by SOS Stanlio & Ollio is Ladrones but with Italian titles. Given that the same procedure could easily be applied to any other Spanish phonetic version by Laurel & Hardy, the choices that have been made for the reconstruction cause further perplexity. Based on which criteria did they decide that some sentences were fine and others were not, leaving only a single line in Oliver Hardy's “Spanish-Italian”? Not to mention the choice of inserting a musical commentary, albeit in “some very short scenes”, which – if confirmed – would constitute a real arbitrary interpolation.

 

Over the years, Le Giornate del Cinema Muto have given Laurel & Hardy scholars and admirers real rarities: in 2015, the European premiere of The Battle of the Century, in the most complete version seen since 1927 (we also talked about it in this article). We are therefore surprised that a festival with forty years of history on its shoulders, a reference point for cinephiles, researchers, historians, and archivists, has decided on this occasion to provide a platform for an operation like this.

 

An operation from which, as Oasis no. 165 of the “Sons of the Desert” international association, we can only firmly distance ourselves.

 

In any case, still on the subject of Laurel & Hardy, we point out that this year, Le Giornate will present restored editions of the films Rupert of Hee-Haw (1924), a parody of Rupert of Hentzau starring Stan Laurel solo and directed by Percy Pembroke (he short film will also be available online) and Long Fliv the King (1926) with Charley Chase and Oliver Hardy, directed by Leo McCarey.

 

Stefano Cacciagrano

Nico Cartenstadt (English translation)

Andrea Ciaffaroni

Benedetto Gemma

Gabriele Gimmelli

Valerio Greco

Luca Mauli

Nunziante Valoroso


CLIC HERE FOR THE ITALIAN VERSION.

martedì 20 settembre 2022

Ladroni o Ladrones?

Cari amici, 

Finale di "Ladrones" ma nella versione inglese, poi tagliato

Ci dovete scusare se non scriviamo così spesso; abbiamo avuto un bel po’ da fare con le nostre attività dedicate all’opera di Laurel e Hardy – ultima ma non ultima, aiutare la Rai nel loro importante progetto di restauro serio delle edizioni italiane dei loro film – che quasi ci stavamo scordando del nostro blog.
Oggi però lo riprendiamo per commentare una notizia che da qualche giorno sta facendo il giro degli appassionati. Stando ai comunicati ufficiali, la prossima edizione delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, manifestazione che ci è molto cara, fra le più prestigiose al mondo per quel che riguarda la riscoperta e la valorizzazione del cinema muto, ospiterà un evento speciale dedicato a Stanlio e Ollio. L’occasione, leggiamo, è quella della proiezione della “versione italiana” di Night Owls (1930), intitolata Ladroni.
Una notizia di straordinaria importanza, poiché non si tratterebbe del solito cortometraggio da 20 minuti che siamo abituati a vedere in TV, bensì della prima versione fonetica recitata da Laurel & Hardy direttamente in italiano e – almeno fino a oggi – considerata perduta.

Breve premessa storica per ricordare esattamente di che cosa si tratta. Nel 1929 Laurel e Hardy avevano iniziato a girare film sonori e, non esistendo ancora il doppiaggio (o post-sincronizzazione, come sarebbe meglio chiamarla in questo caso), per superare l’ostacolo del mercato multilingue gli Studi Roach adottarono l’espediente, un po’ macchinoso, di far recitare gli attori nelle diverse lingue: spagnolo, tedesco, francese… e italiano.

Il primo cortometraggio realizzato con questa tecnica fu appunto Night Owls. In contemporanea con la versione inglese, ne venne girata una in spagnolo, rimpiazzando scena per scena gli interpreti secondari con altri madrelingua. Questa versione, intitolata Ladrones, durava 15 minuti in più rispetto alla versione inglese: includeva infatti sequenze che lo stesso Laurel aveva deciso di scartare dal final-cut americano, e addirittura un finale differente.


Ottenuto un grande successo di pubblico nei Paesi ispanofoni, Hal Roach decise di sfruttare la stessa tecnica per ampliare la distribuzione del film ad altri mercati, inclusa l’Italia. Ed ecco la sorpresa: a differenza di quel che avvenne in seguito con altri cortometraggi, le sequenze della versione spagnola non vennero rigirate in Italiano. Diversi mesi dopo aver realizzato il film esclusivamente in lingua spagnola, Roach incaricò i fonici di post-sincronizzare dei dialoghi italiani su questa versione, approfittando della somiglianza fra i movimenti labiali delle due lingue. (Tempo dopo, lo stesso stratagemma verrà utilizzato per alcune sequenze della versione spagnola di Berth Marks). Il risultato era tutt’altro che perfetto, ma di fatto si trattava del primo film della coppia “doppiato” in Italiano, probabilmente – ribadiamo: probabilmente – dagli stessi Laurel & Hardy. Il sonoro venne inciso inoltre su quattro dischi della Victor Talking Machine, secondo una tecnica già impiegata per post-sincronizzare alcune pellicole mute con musica ed effetti, in modo da poterle distribuire nelle sale già equipaggiate per il sonoro.

 

Secondo quanto è stato ricostruito alcuni anni fa
, l’ipotesi trova conferma nell’archivio online della Victor: le matrici dei quattro dischi (MVR-54999, MVR-61101, MVR-61102, e MVR-61103) sono datate 25 e 26 agosto 1930, vale a dire circa otto mesi dopo la distribuzione di Night Owls e di Ladrones. Inoltre, i registri degli Studi Roach riportano che entrambe le versioni hanno lo stesso metraggio: 3306 piedi, vale a dire 1021 metri, circa 37 minuti di proiezione. Un caso unico, perlomeno stando ai documenti, tra le versioni fonetiche girate da Laurel e Hardy fino a quel momento.

Ladroni uscì con successo in Italia agli inizi del 1931, aprendo la strada alla prima, vera e sola edizione fonetica girata in italiano da Stan e Babe: Muraglie. Da allora, di Ladroni e di Muraglie si sono perse le tracce. I successivi doppiaggi del dopoguerra hanno reso superfluo ogni tentativo conservazione di quelle preziose versioni italiane, di fatto rendendone impossibile il recupero o il restauro. 

Dal comunicato stampa diffuso dalle Giornate si legge che il gruppo di ricerca “SOS Stanlio e Ollio” (fondato, secondo quanto si legge in rete, con “lo scopo di promuovere iniziative culturali di varia natura tese alla valorizzazione in campo nazionale ed internazionale dell’opera della famosa coppia di artisti e di salvaguardare e recuperare in digitale le versioni italiane dei film da loro interpretati”) avrebbe recuperato il “negativo scena” della versione fonetica italiana di Ladroni presso la George Eastman House di Rochester (NY). Si tratta tuttavia di una copia muta, dal momento che il “negativo scena” era realizzato separatamente dal “negativo sonoro” – sempre che quest’ultimo sia davvero esistito: non possiamo sapere con certezza se nel 1930 gli studi Roach si appoggiassero esclusivamente ai dischi della Victor oppure no.

Il metraggio e gli screencapture del comunicato stampa (a soli 1080p) della pellicola mostrano che Ladroni è effettivamente Ladrones post-sincronizzato in italiano, di fatto confermando quanto affermato fin qui. Si tratta dunque di un duplicato, con tutti i difetti del caso, del negativo spagnolo, che però conserva i titoli di testa originali MGM tradotti in italiano. Questa è la sola vera notizia. 

Una buona notizia, insomma? Fino a un certo punto.

Le nostre perplessità relative a questo “recupero” (si fa un po’ fatica a chiamarlo “restauro”) riguardano prima di tutto che cosa verrà proiettato a Pordenone il prossimo ottobre. Il comunicato stampa, pubblicato anche sulla pagina Facebook del Festival, riporta infatti che “[il gruppo di ricerca] ha curato la meticolosa ricostruzione sulla base dell’edizione spagnola Ladrones che ha conservato la colonna sonora di rumori e pochi fonemi pressappoco identici nelle due lingue. Si potrà così sentire la viva voce di Oliver Hardy in una battuta, seppure brevissima, in ispano-italiano”.


Il comunicato fa sorgere alcune domande. Per esempio, come è possibile che questa “meticolosa ricostruzione” riporti un’unica frase in italiano su un film di 37 minuti? Nel film Laurel & Hardy parlano poco, è vero, ma gli altri interpreti no. Abbiamo deciso quindi di chiedere lumi direttamente al Festival, tramite la pagina ufficiale Facebook. Il Festival ha inoltrato la nostra domanda direttamente ai responsabili del progetto. Citiamo testualmente la loro risposta: “[…] la colonna sonora italiana d’epoca risulta ad oggi irreperibile, ma essendo parzialmente ricostruibile sulla base di quella spagnola […] è stato scelto di mantenere suoni, rumori e alcuni fonemi identici, inserendo solo per alcune brevissime scene un commento musicale”. 

 

Dunque sulle immagini di Ladroni – che, come si è detto, è identico a Ladrones – è stato operato un missaggio recuperando il sonoro da Ladrones. Detto altrimenti: il “recupero” effettuato da SOS Stanlio & Ollio è Ladrones ma con i titoli in italiano. Ebbene, posto che la stessa operazione potrebbe essere tranquillamente effettuata con qualunque altra versione fonetica in spagnolo di Laurel & Hardy, a destare ulteriori perplessità sono le scelte che avrebbero guidato la ricostruzione. Sulla base di quali criteri è stato deciso che alcune frasi andavano bene e altre no, lasciando una sola battuta in “ispano-italiano” di Oliver Hardy?  Per non parlare della scelta di inserire un commento musicale, sia pure in “alcune brevissime scene”, che – se confermata – andrebbe a costituire una vera e propria interpolazione arbitraria.


Nel corso degli anni, le Giornate del Cinema Muto hanno regalato a studiosi e ammiratori di Laurel & Hardy autentiche rarità: valga per tutte, nel 2015, l’anteprima europea di The Battle of the Century, nella versione più completa che si fosse mai vista dal 1927 (ne abbiamo parlato anche noi, in questo articolo). Ci sorprende quindi che un Festival con quarant’anni di storia sulle spalle, punto di riferimento per cinefili, ricercatori, storici e archivisti, abbia deciso in quest’occasione di dare spazio a un’operazione di questo tipo.

Un’operazione davanti alla quale, come Oasi n. 165 dell’associazione internazionale “Figli del Deserto”, non possiamo che prendere fermamente le distanze.

Ad ogni modo, sempre a proposito di Laurel & Hardy, segnaliamo che quest’anno le Giornate presenteranno l’edizione restaurata del film Rupert of Hee-Haw (1924), una parodia di Rupert of Hentzau interpretata dal solo Stan Laurel per la regia di Percy Pembroke (Il cortometraggio sarà disponibile anche online) e di Long Fliv the King (1926), con Charley Chase e il solo Oliver Hardy, diretti da Leo McCarey.


Stefano Cacciagrano

Nico Cartenstadt 

Andrea Ciaffaroni

Benedetto Gemma

Gabriele Gimmelli

Valerio Greco

Luca Mauli
Nunziante Valoroso


CLIC HERE FOR THE ENGLISH VERSION.

martedì 17 settembre 2019

"Stanlio e Ollio" (Stan & Ollie - 2018) esce in Home Video!

La tenda "Noi Siamo le Colonne" è felice di comunicarvi che 

Lucky Red e Koch Media sono liete di annunciare l'uscita ufficiale in DVD e Bluray di...
"STANLIO & OLLIO"
un film di Jon S. Baird, con Steve Coogan (Stan) e John C. Reilly (Oliver).

Dal 19 Settembre sarà possibile acquistarlo in qualunque libreria o store online.

La Copertina del Blu-ray

Stanlio & Ollio, il film diretto da Jon S. Baird con Steve Coogan (Stan Laurel) e John C. Reilly (Oliver Hardy) ispirato al libro Mr Laurel & Mr Hardy. L'unica biografia autorizzata di Stanlio e Ollio pubblicato da Sagoma Editore (e tratto liberamente dal libro di AJ Marriot Laurel & Hardy the British Tours), sarà finalmente disponibile in DVD e Blu-Ray il 19 settembre 2019.

Candidato ai BAFTA nella categoria “miglior film britannico”, il film racconta la storia d’amicizia tra il duo comico più amato della storia del cinema e narra le vicende di Stan Laurel e Oliver Hardy durante la tournée teatrale nell’Inghilterra del 1953.

Una volta raggiunta la vetta del successo Stanlio & Ollio fanno fatica a staccarsi dall’ombra dei propri personaggi e il peggioramento delle condizioni fisiche di Oliver mette a dura prova la loro amicizia.

Il lungometraggio scava a fondo nel rapporto tra i due comici e mette in luce la vita interiore della loro cruciale partnership grazie alle splendide interpretazioni di Steve Coogan e John C. Reilly, quest’ultimo candidato ai Golden Globe 2019 nella categoria “miglior attore in un film commedia o musicale”.

lunedì 3 giugno 2019

Come siamo stati “Stanlio e Ollio”

Amici carissimi,
è passato un mese abbondante da quando il biopic Stanlio & Ollio di Jon S. Baird, con Steve Coogan e John C. Reilly nei panni dei nostri eroi, è uscito nelle sale italiane.
Per chi si fosse perso nelle gozzoviglie del congresso, ne abbiamo già parlato a lungo nell’ultimo post.
Al momento in cui scriviamo, pare che nonostante una robusta concorrenza (Avengers: Endgame prima, Detective Pikachu poi), il film abbia superato i due milioni di euro di incasso e oltre mezzo milione di presenze nei cinema (da fonte Cinetel).

L’edizione italiana del biopic, dopo l’anteprima occorsa a Cinecittà World domenica 28 aprile 2019, ha debuttato nelle sale mercoledì 1° maggio su distribuzione Lucky Red. Il doppiaggio è stato diretto da Rodolfo Bianchi, con la nostra consulenza nelle persone del Gran Sceicco Benedetto “Enciclopedia” Gemma e Stefano Cacciagrano.
I protagonisti hanno le voci di Angelo Maggi (Steve Coogan/Stan Laurel) e Simone Mori (John C. Reilly/Oliver Hardy).

Simone Mori e Angelo Maggi, in una simpatica posa negli studi Margutta di Roma, febbraio 2019 (dal profilo Instagram di Angelo)

Angelo e Simone hanno risposto alle nostre curiosità sul loro lavoro, vediamoli insieme!


Ciao Angelo e ciao Simone! Innanzitutto vivi complimenti per il vostro lavoro e la vostra carriera.
Angelo: Grazie mille.
Simone: Grazie. Non parliamo già di “carriera” che mi sento vecchio! (ride)


Eravate già appassionati di Stanlio e Ollio prima di questo film?
Angelo: Sì, ma certo, anzi! Ricordo che quando ero piccolo erano programmati tantissimo, erano dei film straordinari. Loro stessi erano veramente straordinari. Sono stati i più grandi comici della storia del cinema, hanno creato una serie di comici che poi si sono ispirati a loro. Erano anche molto vicini ad altri grandi come Charlie Chaplin e Buster Keaton.
Simone: Beh sì, io ci sono cresciuto! Appartengo alla generazione in cui il sabato si facevano correre i genitori da scuola, e per un pelo riuscivamo a vedere la sigla di Oggi le comiche. Ne trasmettevano tantissime, ma la maggior parte era tutta dedicata a Stanlio & Ollio. Avrò visto le loro scenette cento volte, conservo ancora alcuni filmini muti in Super 8! La scala musicale la potrei rigirare, o scene come “arrivedòrci, arrivedòrci” quando partono in macchina, sono straconosciute per me.


Come avete conosciuto il film di Baird?
Angelo: Avevo sentito del film perché aveva come protagonista Steve Coogan, che ho doppiato per la prima volta in Philomena. Avendolo già fatto sono stato chiamato dal direttore di doppiaggio per interpretarlo in questo film.
Simone: Il film originale non l’ho visto. Lo sono venuto a sapere più tardi, visto che c’era John C. Reilly come protagonista: avendolo già doppiato tante volte sono stato chiamato dal direttore che, insieme al cliente, ha deciso che andavamo bene.


Avete seguito una preparazione particolare per il doppiaggio?
Angelo: Io ho letto il libro Mr Laurel & Mr Hardy, che mi ha regalato Stefano, un libro interessantissimo sulle loro vite. Non ci sarei mai arrivato se non fosse stato per Steve Coogan, che interpretava il personaggio di Stan Laurel - e di Stanlio - in un film. Poi Stefano e Benny mi hanno mandato tantissimi contributi, con clip, anche un paio di lungometraggi, riferimenti di comiche che poi loro interpretano nel film, quindi me li sono rivisti.
Simone: Avevo letto qualcosa su di loro in passato, conoscevo abbastanza la storia, non sapevo che Oliver Hardy fosse un giocatore, sapevo delle mogli, ma per il resto... era un divo stellare. Benedetto e Stefano, prima dell’inizio del doppiaggio, mi hanno mandato un DVD dove c’erano tutte le scenette che avremmo avuto nel film, sia in originale che con il doppiaggio di Alberto Sordi e Mauro Zambuto, poi anche Carlo Croccolo e Franco Latini, Giorgio Ariani ed Enzo Garinei... Sono stati carinissimi, erano presenti e a volte chiedevamo loro qualche consiglio, un paio di scenette me le sono fatte leggere da loro. Il mio unico “training” è stato sentire quel DVD, ma le comiche le conoscevo a memoria.


Quanto è durato il doppiaggio del film?
Angelo: Beh, per quanto mi riguarda, non più di una settimana. Tutto il film non saprei sinceramente, forse un paio di settimane.
Simone: Non ricordo di preciso, erano normali turni di doppiaggio secondo i tempi di un cinematografico, quindi non tantissime righe ad anello.


Eravate al leggio insieme?
Angelo: No, no, mai, sempre in colonna separata. Rispetto a venticinque anni fa, oggi in sala di doppiaggio non si lavora quasi più insieme. Preferiscono semplificare, avere un suono più pulito lavorando su un’unica colonna.
Simone: Non abbiamo fatto insieme neanche un turno. Qualche anno fa si usava, si facevano vedere i film prima in originale, ma succedeva in pochissimi casi, io ricordo ad esempio Forrest Gump. Ormai niente, vai in sala, e lo fai in sala.


Curioso, allora la foto di Angelo su Instagram insieme?
Angelo e Simone: Ci siamo incrociati.
Angelo: Io uscivo, lui entrava...
Simone: ...e abbiamo fatto la foto.


Come avete affrontato i famosi accenti storpiati che da sempre caratterizzano Stanlio e Ollio in italiano?
Angelo: Allora, intanto cominciamo subito col dire che quando si doppia un film come questo, da parte della distribuzione e del direttore di doppiaggio, i protagonisti non sono i “veri” Stanlio e Ollio. Sono Steve Coogan e John Reilly, due splendidi attori, che a loro volta interpretano altri due attori in un film che verte tutto sulla loro vita privata. Tranne piccole scene sul palco, parliamo di caratterizzazioni di cinque minuti su circa due ore film, insomma, una piccola cosa. Io ho cercato di usare questa voce di testa, un po’ portandola su, mentre in tutto il film Steve Coogan, che ha una bella voce baritonale come la mia, parla normalmente. Abbiamo cercato di caratterizzarli dando loro questo accento noto.
Simone: Come sai, loro non fanno assolutamente nessun accento in originale, come invece conosciamo in Italia. Quindi si è creato il problema quando fanno le scenette in teatro, rifacendo comiche che tutti abbiamo già visto, perché nella vita li abbiamo fatti parlare normalmente. Gli americani, soprattutto sul cinematografico, vogliono l’aderenza a quello che viene fatto in originale. Per cui non sapevamo cosa avrebbero scelto, e abbiamo fatto tutte le scenette in due versioni: normali, e con un leggero accento. Non hanno voluto che facessimo il verso a Sordi e Zambuto, giusto “arrivedòrci”“uova sode e nòci”, niente di più. Forse la scenetta più lunga è quella dell’ospedale, ma alla fine saranno quattro battute, non è che siano complete.
Angelo: C’era questa indecisione se mandare la versione che nell’immaginario collettivo degli italiani è “certo che siiì” (caratterizzato), o “certo che sì” (piatto). Si percepiva che fossero più orientati per la versione non caratterizzata, e pure il rischio che non andasse bene, che gli appassionati potessero disertare il film.


Alla fine, nel film gli accenti sono stati mantenuti.
Angelo: Sì, alla fine è la versione caratterizzata, una scelta anche logica a parer mio.
Simone: Sì, lo so. Però c’è una cosa che non hanno messo: la canzone Guardo gli asini che volano nel ciel. Come sai, in originale è tutta un’altra canzone, altra musica, altre parole... mentre in italiano avevano scelto un motivo che andasse bene per il film, con un altro testo. Nel film loro fanno questo balletto in teatro, e io ho proprio cantato “Guardo gli asini...”! Però non l’hanno montata e hanno lasciato la vecchia canzone originale, secondo me sbagliando, perché molta gente non l’avrà riconosciuta. Anche “stupìdo” non viene mai detto, nel film non ci sono scene dove fosse richiesto o lo dicesse chiaramente.


Il cast di doppiatori comprende molti grandi nomi, sia per le mogli e l’impresario, sia anche altri ruoli più piccoli.
Angelo: Sì, Rodolfo ha questa caratteristica: io ho lavorato con lui tantissimi anni, per tantissimi film, e alcune volte anche per ruoli piccoli. Lui lavora così, un po’ come fanno in America. Gli attori americani non si spaventano quando fanno un film, anche per dire “buongiorno” può esserci un asso della recitazione, perché loro sono così. È in Italia che c’è un altro modo di pensare, ma come si è sempre detto in passato, non esistono piccole parti, ma piccoli attori.
Simone: Un film è così, ci sono tante parti, c’è Tiziana Avarista che fa mia moglie, Claudia Razzi che fa la moglie di Stanlio... Tutte le parti vanno coperte, poi Rodolfo, insomma, è uno che tende a chiamare attori “di nome”, anche per le parti piccole. Secondo me è un’ottima scelta, lui lo fa spesso. Anche se hai una battuta e te la dice un professionista esperto, è meglio rispetto al primo che passa, quindi è una scelta che condivido.


Tutto a beneficio del film finito, naturalmente.
Angelo: Sì. Io il film completo l’ho visto in sala al cinema Adriano, mi è piaciuto molto. Un bel film, recitato benissimo da attori straordinari. Doppiato anche bene, con attori bravissimi, pure l’impresario doppiato molto bene da Francesco Prando. Un doppiaggio ottimo.
Simone: Purtroppo non ho modo fisicamente di andare al cinema in questo periodo, per cui lo vedrò più comodamente a casa. Ho parlato con la responsabile della Lucky Red e mi ha detto che è andato abbastanza bene anche per le loro aspettative. Poi è uscito in concorrenza con gli Avengers, che chiaramente lo hanno tritato, ma era prevedibile. Però pensavano peggio.


È davvero piacevole constatare come la vostra passione si affianchi alla professionalità del vostro lavoro.
Angelo: Eh sì, è vero. Io mi sento, come dire, onorato. Mi sento molto “dentro” la cosa, lo devo dire. Sono contento di aver dato un piccolo contributo alla storia, anche se ho doppiato un attore, Steve Coogan, che interpreta un altro attore, Stan Laurel. I riferimenti al loro “essere” Stanlio & Ollio nel film sono relativi, non sono moltissimi, però noi abbiamo dato questa caratterizzazione rifacendoci a quello che è sempre stato fatto in passato. Il primo Zambuto, il grande Franco Latini, fino a Garinei, insomma...
Simone: Beh, è un caso, non è sempre così. Se avessi fatto il film sui Doors, io che non ne sono appassionato, non ne avrei saputo niente. Ma ciò non toglie che l’avrei fatto comunque al meglio. Per noi è abbastanza facile perché andiamo dietro all’originale. Anche se non conosci l’argomento, è più magari il direttore che si deve documentare e spiegarti, ma Bianchi è uno dei più grossi, quindi da quel punto di vista ci sentivamo tutelati.


Pensate che oggi Stanlio & Ollio abbiano un riconoscimento diverso rispetto a mezzo secolo fa?
Angelo: Oggi purtroppo non c’è una grande programmazione, insomma, non c’è una prima serata dove Rai Tre trasmette alle nove un film di Stanlio & Ollio. Dovrebbero essere veramente un po’ riportati in TV, farli vedere alle nuove generazioni, perché sono stati un po’ dimenticati. Mia figlia ha quindici anni e non li ha mai visti, mai visto un film, perché non è mai capitato di assistere ad una serata in televisione.
Simone: Mio figlio li ha visti qualche volta, gli piacciono ma non è che lo facciano impazzire. La generazione è troppo successiva, già a vedere il bianco e nero si sente fastidio. Esistono quelle brutte copie a colori, che venivano fatte all’epoca, ma sapendo che Stanlio & Ollio partono in bianco e nero, senti subito che è “finto”. Già mi ha fatto strano doppiare il film che era a colori! Comunque il film è carino, dedicato alla loro vita... pensavo che andasse meno bene, che fosse un po’ di nicchia, che solo la mia generazione potesse essere interessata, invece ha avuto una buona distribuzione e so che ha incassato bene.


Se in futuro ci fosse un seguito del film, o un ridoppiaggio delle comiche, sareste automaticamente richiamati?
Angelo: Mah, non credo che si farà mai una cosa del genere. Ci sono state parecchie coppie di doppiatori... in ogni caso non è che siano legati a me e Simone. Nel film sono Coogan e Reilly, ma penso che altrimenti si farebbero dei provini, almeno credo. Magari mi chiamano a fare il provino, o magari mi sbaglio...
Simone: Non c’è più bisogno ormai... Se fossero andate perdute le colonne originali bene, ma se fossero solo rovinate, ormai con la digitalizzazione si aggiusta tutto. SE rifacessero Stanlio & Ollio si sentirebbero di più Sordi e Zambuto, quelli che erano ridoppiati perché rovinati li hanno sistemati. Alla loro epoca il sync era un po’ diverso, c’era un’attenzione molto minore, infatti vedere la roba vecchia, per noi che siamo dell’ambiente, delle volte sono veramente dei cazzotti nell’occhio. Però è stato mantenuto tutto, a costo di avere un cattivo sync, abbiamo rispettato i testi originali, proprio i classici di Alberto Sordi e Mauro Zambuto.

Per salutarci, ci regalate una chiusa come farebbero Stanlio e Ollio?
(attimo di concentrazione...)


Giunti a questo punto, non possiamo che ringraziare calorosamente i nostri amici Angelo e Simone per la passione, la simpatia e il tempo che ci hanno dedicato, e con l’occasione mandiamo loro anche le più grandi congratulazioni per i Nastri d’argento che hanno vinto proprio pochi giorni fa per Stanlio & Ollio.
Le testimonianze fotografiche sono gentilmente concesse dallo stesso Angelo Maggi, attivissimo sui social con i suoi profili Facebook e Instagram.

Angelo e Simone ricevono il Nastro d’argento per il loro doppiaggio, 29 maggio 2019 (dal profilo Instagram di Angelo)
Adesso che tutto è schiarito, chi ha dato un’occhiatina al film avrà un motivo in più per gustarselo, mentre chi non l’ha ancora visto ha ancora tempo, in alcune sale le proiezioni resistono!

Semper unanima cum fide.

domenica 31 marzo 2019

Pronti!... motore... azione!


Rieccoci!
Anche se non ce ne siamo mai andati, è segno che non siamo tornati.

Dallo scorso ottobre, un evento importante ha catturato l'attenzione di tutti i Figli del Deserto sparsi per il mondo: l'uscita nei cinema del primo lungometraggio biografico dedicato a Stanlio & Ollio. Desiderato, bramato, registrato, e adesso anche... recapitato.
Il film è incentrato su Stan e Babe affaticati dagli anni e dal declino della loro fama in America, e sul tour che intrapresero nel 1953 tra Regno Unito e Irlanda. I nostri eroi sono interpretati da Steve Coogan (Stan) e John C. Reilly (Ollie), di origine rispettivamente inglese e americana, esattamente come gli originali.

Steve Coogan e John C. Reilly nei panni di Stanlio e Ollio, all'epoca delle riprese di Way out West (1937)
Diretto dal regista scozzese Jon S. Baird e scritto da Jeff Pope (sceneggiatore del film drammatico Philomena, con protagonista proprio Steve Coogan), il film è prodotto dalla Entertainment One e dalla BBC.
Il primissimo trailer in inglese è stato pubblicato su YouTube il 18 settembre 2018, e al momento in cui scriviamo ha superato il milione di visualizzazioni. La prima proiezione è avvenuta durante il 62° BFI London Film Festival (10-21 ottobre 2018), per un pubblico dove fez e bombette la facevano da padroni assoluti.
Le reazioni sono state estremamente positive, le performance di Coogan e Reilly giudicate eccezionali (qui un simpatico speciale dedicato alla sessione di trucco, sottotitolato in italiano).

Reilly e Coogan, con kilt e bombette, alla première nel Cineworld Cinema di Londra, durante il BFI (21 ottobre 2018)
Per i fortunati che non hanno saputo aspettare, il film è stato proiettato anche a Roma durante la Festa del Cinema (18-28 ottobre 2018) presso l'Auditorium Parco della Musica, con la partecipazione dello stesso cast sul red carpet e per le conferenze stampa.
Anche in quest'occasione le lodi non sono mancate.
E noi eravamo in mezzo a loro, avendo anche potuto collaborare per i sottotitoli italiani del film.

Reilly, Baird e Coogan sul "tappeto rosso" del Festival del Cinema di Roma (24 ottobre 2018)
Nonostante le tante nomination, il film non è riuscito a sfondare tra i Golden Globe o gli Oscar. John C. Reilly si porta però a casa la vittoria come miglior attore (Boston Society of Film Critics for Best Actor) e miglior trucco (San Diego Film Critics Society Awards for Best Body of Work).
In ogni caso, ora l'attesa sta per finire: su distribuzione Lucky Red, il film è stato finalmente doppiato e l'uscita nelle nostre sale è prevista per mercoledì 1° maggio 2019.

Inutile dire che l'argomento doppiaggio, soprattutto a proposito di Stanlio & Ollio, è un tema molto delicato e che può suscitare curiosità, tra rispetto della tradizione e necessità di adeguarsi ad una platea che in cinquant'anni è molto cambiata.
Chi scrive è fiducioso nel risultato finale, contando sul fatto che i due protagonisti avranno le voci di due grandi professionisti del nostro panorama: Angelo Maggi (Tom Hanks, Bruce Willis, Robert Downey Jr, Gary Oldman...) e Simone Mori (David Schwimmer, Seth Rogen, Omar Sy, Ice Cube...), i quali hanno anche già doppiato Coogan e Reilly in film precedenti.

Angelo Maggi, voce di Stan Laurel, e Simone Mori, voce di Oliver Hardy (screenshot dalle interviste di enciclopediadeldoppiaggio.it su YouTube)
Consiglio spassionato: andatelo tutti a vedere, vous ne le regretterez pas.
Nel frattempo, zuppa, noccioline, e il trailer in italiano:



E qualche altro link dedicato: la pagina su Lucky Red, quella Facebook e il canale Instagram.
Semper unanima cum fide.

martedì 13 marzo 2018

Tempo di... Restaurare (davvero) Stanlio e Ollio!

Cari vicini e cari inquilini buonsalve!

Come voi ben sapete i film di Stanlio e Ollio sono visibili in ogni dove e hanno fatto e fanno ridere generazioni su generazioni.

Ma le pellicole originali di questi film in che condizioni versano?
Non buone, purtroppo. Già quando il produttore Hal Roach negli anni Quaranta svendette in blocco i suoi film al fiorente mercato televisivo, le varie emittenti trasmettevano le comiche di Laurel e Hardy continuamente tagliando dei pezzi o interrompendole per inserire spot pubblicitari (con grande disapprovazione dello stesso Stan, che si offrì persino di intervenire gratis per evitare certi salti narrativi, pur rimanendo inascoltato). Le pellicole divennero nel tempo sempre più malandate, accorciate e sforbiciate, ed oggi, fisicamente, la filmografia di Laurel & Hardy è in condizioni a dir poco preoccupanti.